Sede: via Mastini 18, Valdagno

Giovedì 16.30 - 19.00 / Mar e Ven 9.00 - 12.30

0445 409300

Fissa un appuntamento, diventa donatore

BLOG

Rinnovo Consiglio Direttivo Avis

Giovedì 16 aprile la sezione Avis Valdagno ha rinnovato il suo consiglio Direttivo per il quadriennio 2021-2024.

L’assemblea è avvenuta in videoconferenza giovedì 25 marzo con votazioni dei vari candidati sabato 27 marzo presso la sede di Via Mastini 18.

Riconfermato presidente Cesare Meggiolaro, il nuovo direttivo è il seguente: vicepresidente Paola Perich, segretario Giovanni Cornale, amministratore/tesoriere Giampaolo Aldo Grandis, consiglieri Matteo Bevilacqua, Cinzia Lorena De Tomasi, Mirko Lorenzi, Sergio Mario Murari, Massimo Peron, Cristiano Picco, Celestino Preto, Katjuscia Rossi, presidente revisori dei conti Damiana Peserico, revisori Umberto Antoniazzi e Davide Zanuso. In continuità con il quadriennio precedente il nuovo consiglio ha tracciato il percorso da intraprendere: “non basta più concentrarsi solo ed esclusivamente sulla raccolta del sangue e sulle relative chiamate al donatore, certamente al centro della nostra mission, ma bisogna ampliare la nostra presenza nella comunità con varie attività come ampliamente previsto dall’articolo 3 del nostro statuto associativo. Un passo importante è aver partecipato al bando per il Servizio Civile Universale, con l’adesione di tre giovani, tra i quali verrà selezionata una persona che potrà far parte per un anno della nostra associazione, con la speranza che possa esserci uno scambio reciproco e proficuo tra le parti, agevolando il rapporto intergenerazionale. Si dovranno quindi incrementare gli sforzi per far conoscere la nostra associazione, tenendoci pronti per quando si tornerà alla normalità, organizzando o partecipando a delle manifestazioni e a dei progetti che coinvolgano la popolazione e facciano conoscere il dono nella sua interezza, collaborando con altre associazioni, anche sportive, con le scuole, con gli scout, con le parrocchie e quanti altri vorranno conoscere la nostra realtà. Dovremo altresì “coccolare” i donatori riproponendo feste, gite, cene e tutto quanto serve a farci e farli sentire una famiglia”.

Condividi l'articolo

Share on facebook
Share on twitter
Share on email
Share on whatsapp

Altri articoli che potrebbero interessarti